Così Cetif porta la finanza digitale in università

Fintech, insurtech e regtech stanno assumendo un ruolo rilevante anche nelle facoltà di economia italiane. Gli studenti interessati a conoscere da vicino il mondo della finanza digitale e a costruire un percorso professionale nel settore potranno approfittare della seconda edizione edizione del master Digital Innovation & Fintech: la trasformazione digitale nel settore bancario e assicurativo organizzato da Cetif a ottobre presso l’università Cattolica di Milano.

L’iniziativa, promossa e coordianata da Federico Rajola (ordinario di economia e direttore di Cetif, in foto) e Chiara Frigerio, ha l’obiettivo di formare nuovi professionisti della trasformazione digitale: startupper di fintech, digital specialist e digital officer, innovation officer, data analyst e information manager, IT manager, IT compliance specialist, community manager. Il master si svolgerà con una formula alternata di lezioni teoriche in aula (in orario serale e il venerdì) ed online, active learning in forma di stage e laboratori tecnici e applicativi, hackathon per lo sviluppo di progetti innovativi.

Grazie all’esperienza di ricerca applicata sui temi dell’innovazione digitale e al network di CeTIF, il progetto vedrà la collaborazione di partner come Capgemini, Chebanca!, CRIF, Deloitte Digital, EY, Helvetia Assicurazioni, Ibm, Parva Consulting, RGI, SAS, Sia, Ubi Banca) che si sono resi disponibili a contribuire al completamento dell’offerta didattica attivando stage curricolari, intervenendo in qualità di docenti, testimoni, mentor e attivando altre forme di collaborazione. La seconda edizione del master prevede inoltre la partnership con realtà fintech e insurtech (Banksealer, Domec, Euclidea, Neosurance, SalaryFits, Stamp, RiskApp, 200 Crowd). che, grazie al loro contributo, amplieranno ulteriormente l’offerta formativa.

Il percorso formativo sarà infine completato ed integrato da due laboratori applicativi dedicati all’approfondimento delle competenze statistiche e informatiche realizzati grazie al supporto di Ibm e SAS. A fronte del superamento del test di certificazione, è inoltre previsto il rilascio della certificazione individuale internazionale di SAS Certified Predictive Modeler using SAS Enterprise Miner. Grazie alla collaborazione di ProSpera, infine, gli studenti saranno inoltre seguiti individualmente da manager e professionisti per lo sviluppo del proprio percorso formativo.

Rispondi