AbiFormazione ripensa la banca che verrà

Il settore bancario sta affrontando una profonda evoluzione di paradigma legata al processo di innovazione e trasformazione di atto. Convinzione diffusa è che la trasformazione sia un tema prettamente tecnico con impatti solo sulle funzioni IT, ma l’enorme balzo evolutivo degli strumenti e delle tecnologie, avvenuto negli ultimi anni, ha dimostrato l’importanza di ancorarlo a una visione strategica solida e supportarlo con una risposta adeguata anche sul piano culturale e organizzativo. Comprendere lo scenario in cui si colloca il processo di trasformazione e coglierne le opportunità è tutt’altro che semplice e richiede una profonda revisione del framework concettuale complessivo e la creazione di nuove consapevolezze.

Questo il contesto in cui nasce il nuovo appuntamento annuale promosso dall’ABI e organizzato da ABIFormazione con la collaborazione di ABI Lab per sostenere l’innovazione dell’industria bancaria e finanziaria, supportando le banche nell’interpretare il contesto, analizzare i principali fattori di cambiamento, costruire modelli per anticipare e gestire la trasformazione. I contenuti dell’iniziativa sono strutturati in modo tale da creare un percorso che individui e sistematizzi i fattori della trasformazione facilitando le connessioni per interpretare correttamente il presente per costruire il prossimo futuro.

Il percorso prende avvio da una riflessione sull’evoluzione del business bancario analizzando, con il contributo di esponenti di vertice delle banche, come spostare l’accento dal valore attuale al valore futuro. Grazie poi al confronto con le Autorità europee e nazionali e a casi operativi di chi ha già avviato processi di trasformazione fondati sulla collaborazione e su nuovi paradigmi, il percorso approda sul tema delle conseguenze del futuro con l’obiettivo di delineare traiettorie derivanti dalle condivisioni e aprendo riflessioni sugli elementi di scenario prospettici.

L’iniziativa è caratterizzata da metodologie di apprendimento attive e di momenti strutturati di interazione tra i partecipanti per facilitare modi innovativi di rispondere ai bisogni esistenti ed emergenti.

Rispondi