Abn Amro porta la blockchain nelle commodity

Le nuove tecnologie sono sempre più presenti nelle strategie delle banche internazionali. L’olandese Abn Amro sta lanciando una piattaforma blockchain (chiamata Forcefield) per il settore delle commodity che usa l’internet delle cose per gestire il collaterale in maniera più sicura ed efficiente, comunicando direttamente con i trade inventory fisici.

Il gruppo è al lavoro sul progetto da oltre un anno insieme alla società di consulenza Accenture. Ma come funzionerà il processo? Secondo quanto emerso in questi giorni, la piattaforma sarà in grado di monitorare in tempo reale i beni posti a collaterale usando l’internet delle cose, sensori e chip con l’obiettivo dichiarato di rendere più sicure le transazioni e ridurre i costi.

Oggi Forcefield è una società indipendente, che Abn vuol fare operare come un’utility di mercato, focalizzata inizialmente sui metalli lavorati. Un progetto sul quale stanno lavorando molti soggetti industriali e finanziari come Anglo American, CMST International, Hartree Partners, Macquarie, Mercuria e OCBC Bank.

«Questa iniziativa rafforzerà l’intera supply chain del trading di commodity. Le parti coinvolte beneficeranno di controlli più efficaci, maggiore efficienza, trasparenza e tracciabilità», ha spiegato Karin Kersten, responsabile trade and commodity finance di ABN Amro.

La maggior parte delle banche sta cercando soluzioni per migliorare l’efficienza dei processi e ridurre i costi. Una possibile soluzione a questi problemi è la blockchain, che oggi può rispondere a molti bisogni del sistema bancario. Migliorare l’efficiency ratio del resto è una priorità per gli istituti visto che con un livello al 50% un intermediario spende 0,50 euro per generare un euro di ricavi. Se una banca con un miliardo di attivi riducesse del 20% il proprio efficiency ratio, potrebbe ottenere un aumento di circa 14 milioni nei ricavi. La blockchain serve proprio a questo e negli ultimi anni le banche hanno trovato molte applicazioni possibili della nuova tecnologia.

Rispondi