Allianz scommette su Moneyfarm. Round da 46 milioni

galvani.PNG

Allianz scommette su Moneyfarm. La start up di finanza digitale attiva nella gestione del risparmio e fondata nel 2011 da Paolo Galvani (in foto) e Giovanni Daprà raccoglie l’investimento più significativo nella storia del fintech italiano. Nell’ultimo round di finanziamenti la società ha infatti incassato la cifra record di 46 milioni di euro, portando il totale dei finanziamenti ricevuti dalla nascita a 76 milioni. A iniettare capitali è stata soprattutto la tedesca Allianz che, attraverso la sua società di asset management, ha guidato il pool investitori a cui hanno preso parte anche il venture capital Endeavor Catalyst, la Fondazione di Sardegna e i fondi United Ventures e Cabot Square Capital, questi ultimi già intervenuti in passato con una linea da 16 milioni.

Le nuove risorse consentiranno a Maneyfarm di passare dallo stato di start up a quello di azienda matura che presidia con decisione la propria nicchia di mercato. La società si è spostata a Londra nel 2015, oggi dà lavoro a un’ottantina di dipendenti (40 dei quali fra Milano e Cagliari) e gestisce i risparmi di quasi 30 mila clienti fra Italia e Regno Unito che equivalgono a circa mezzo miliardi di asset under management. Un lavoro svolto principalmente attraverso le nuove tecnologie di robo-advisory e intelligenza artificiale.

«Questo nuovo round di finanziamento — ha spiegato Galvani, presidente della fintech — ci sarà molto utile per entrare in due nuovi mercati in Europa e per lanciare una serie di nuovi servizi, fra cui un servizio pensionistico integrativo per l’Italia e che è già attivo in Uk». L’intervento di Allianz del resto dà soddisfazione e sicurezza al management di Moneyfarm. «La presenza della compagnia ci consentirà inoltre promuovere — ha concluso Galvani — ulteriori sinergie per sviluppare le nostre soluzioni digitali d’investimento in un mercato che a livello globale nel 2020 è atteso superare i duemila miliardi di dollari di ricavi».

Rispondi