Banche digitali, quando l’offerta si fa etica

mobile.jpg

Le banche del futuro, suggeriscono i consulenti, dovranno essere sempre più attenta alle esigenze personali del cliente offrendo un servizio ritagliato su misura. Sembra muoversi proprio in questa direzione l’inglese Monzo, una delle cosiddette challenger banks o banche di ultima generazione basate quasi unicamente su dispositivi digitali. L’istituto ha messo a disposizione dei propri clienti un’applicazione per impedire i pagamenti verso siti di scommesse, nel caso in cui l’utente soffra di ludopatia.

Per rimuovere il blocco i clienti dovranno contattare via chat un membro dello staff di Monzo, appositamente formato per aiutare i soggetti vulnerabili. In ogni caso intercorreranno 48 ore tra la richiesta e la disattivazione del servizio. Se alcune banche hanno già introdotto un servizio simile sulle carte di credito, Monzo sembra essere la prima a farlo sui conti correnti. A dimostrazione del fatto che i nuovi canali digitali consentono di costruire un’offerta finanziaria mirata e ritagliata sulle specifiche esigenze del cliente. Un’offerta che, in alcuni casi come questi, può anche avere risvolti etici.

Rispondi