Contante addio? Ecco come pagheremo nel 2020

digital-payments

I pagamenti saranno sempre più digitali. Attorno a questa previsione Capgemini ha costruito il suo World payment report 2017, che fa un’ampia panoramica sull’evoluzione delle abitudini dei consumatori nei prossimi anni. Il volume globale di pagamenti digitali crescerà del 11% da qui al 2020 raggiungendo quota 726 miliardi di transazioni. E la spinta fondamentale verrà dalle economie emergenti, che vedranno i propri volumi aumentare del 20% con picchi di 10 punti percentuali in più in India e Cina.

A livello globale, le transazioni senza contanti fatte da grandi imprese, aziende di medie dimensioni e da amministrazioni pubbliche raggiungeranno un tasso medio di crescita annua record del 6,5% tra il 2015 e il 2020 o comunque superiore ai 122 miliardi di transazioni su larga scala. Nel periodo 2014-2015, il volume delle transazioni digitali a livello mondiale è salito dell’11,2% raggiungendo i 433,1 miliardi, il più alto tasso di crescita mai raggiunto in 10 anni. I paesi in via di sviluppo sono stati il motore trainante di questa crescita, riportando un incremento del 21,6%, mentre i mercati consolidati hanno registrato un aumento del 6,8%

E in Italia? Nel nostro Paese, stima il report, le transazioni non in contanti sono cresciute con un tasso di crescita annuale composto del 5,6% tra il 2011 e il 2015, trascinate dalla crescita dei pagamenti con carte di credito e debito. Nel 2015 le transazioni non in contanti nel nostro paese hanno raggiunto quota 4,6 miliardi. Mentre in Europa nel periodo 2011-2015 il mercato delle transazioni non in contanti ha visto una crescita dei pagamenti con carte di credito (dal 44% al 49%) e una contrazione degli altri metodi: carte di debito (dal 24% al 23%), bonifici (dal 26% al 24%) e assegni (dal 6% al 3%).

Pmk_WorldPaymReport_2017.1.png

Rispondi