Digitale, Intesa miglior istituto italiano nel 2017

banca_intesa_sanpaolo_105112.jpg

L’Italia si è piazzata in terza posizione con Intesa Sanpaolo nella classifica degli istituti di credito più digitalizzati in Europa. Secondo il rapporto 2017 European Online Banking Functionality Benchmark, condotto dall’analista indipendente Forrester Research, dopo essere rientrata nei sette finalisti nel 2016, la banca guidata da Carlo Messina ha migliorato la propria performance l’anno scorso.

Grazie a un risultato di 86 punti su 100, sopra la media di 75, Intesa è stata superata solo dalla spagnola Bbva (90) e dalla turca Garanti Bank (87), surclassando invece gruppi come Unicredit (nona con 74 punti), CaixaBank (quarta a 84 punti), Barclays (77 punti) o Bnp Paribas (62 punti). Il riconoscimento acquista maggior valore considerando che, rispetto alla precedente edizione, il gruppo italiano è stato quello che ha migliorato maggiormente il proprio ranking, con una crescita di 30 punti: nel 2014 si trovava infatti soltanto all’ottavo posto.

Il risultato raggiunto riflette del resto il cambio di strategia adottato (proprio dal 2014), fondato sulla profonda trasformazione digitale dell’attività (soprattutto i processi, le piattaforme e i servizi) e sempre più rivolto a innovare l’esperienza multicanale dei clienti. «La classifica di Forrester Research certifica il raggiungimento dei nostri obiettivi d’innovazione e il posizionamento di Intesa Sanpaolo tra i leader internazionali nel servizio al cliente» ha spiegato Stefano Barrese, responsabile divisione Banca dei Territori Intesa Sanpaolo , che ha poi sottolineato come «i risultati ottenuti sono il frutto di un deciso cambiamento culturale e di una visione strategica centrata sulla sintonia con i nostri clienti. Abbiamo l’ambizione di considerare tutto questo un punto non di arrivo, ma di partenza».

Intesa, infatti, si sta attrezzando da un lato «per estendere alle imprese le innovazioni portate ai clienti retail» e dall’altro «per rendere disponibili i prodotti chiave su smartphone», conclude Barrese. L’analisi di Forrester Research, rivolge particolare attenzione, tra gli altri, al sistema di autenticazione O-Key Smart, al personal financial management, e al motore di ricerca a linguaggio naturale che unisce funzionalità cognitive evolute, come l’interpretazione della ricerca dei concetti, alla possibilità di tradurre in azioni dirette le richieste che sottintendono intenzioni.

 

Rispondi