Dopo la bagarre Retelit investirà su It e fintech

retelit-protto-2-lowres-5641976af7b52b90445cbf0671b61c772.jpg

Dopo il braccio di ferro con Raffaele Mincione e la conferma dei vertici, Retelit è pronta a scommettere anche sulla finanza digitale.  È questa l’indicazione data dall’amministratore delegato Federico Protto (in foto) dopo l’assemblea tumultuosa della scorsa settimana. Se infatti nelle ultime settimane il gruppo tlc milanese è finito sotto i riflettori più per tematiche relative alla corporate governance che per l’offerta industriale, il top manager ha promesso importanti novità al mercato.

«Individueremo dei target, alcuni li abbiamo già: operatori infrastrutturali locali, nazionali per accelerare sul mercato business e operatori che ci aiutino a completare il nostro portafoglio prodotti nell’IT, nella cybersecurity o nel fintech», ha spiegato Protto, annunciando che Retelit guarderà anche all’estero: «l’espansione territoriale non è la nostra priorità, ma vorremmo accelerare anche lì». Il piano, ha proseguito il top manager, deve «permetterci di allargare la nostra capacità di partnership, perché ora siamo appetibili come l’accordo con Open Fiber ha dimostrato» (Open Fiber e Retelit hanno siglato un accordo commerciale che consentirà di ampliare l’offerta di servizi ultra-broadband per la copertura in Ftth sul territorio). Inoltre Protto ha anticipato l’annuncio a breve di un nuovo contratto con un importante partner asiatico.

Intanto la governance sembra aver trovato pace. Nell’assemblea di venerdì 27 aprile, chiamata ad approvare i conti 2017 e a rinnovare gli organi sociali per un triennio, il braccio di ferro tra il patto libico-tedesco Bousval-Svm e l’alleanza capitanata da Fiber 4.0 di Mincione si è concluso a favore del primo. Si è infatti affermata la lista guidata dal presidente uscente Dario Pardi affiancato da Protto. Eletti anche Gianluca Ferrari, Faisel Gergah, Paola Bruno, Gianbeppi Fortis, Patrizia Mantoan e Marina Rubini. Per la lista di minoranza, presentata da Fiber, che ha avuto il voto favorevole in rappresentanza di 35 milioni di azioni, risultato eletto il capolista Luca Cividini.

Rispondi