Banche, ecco come combattere i colossi digitali

IlCacciatoreDiGiganti_PosterIta

Il mantra che molte banche ripetono in questi anni è che i risparmiatori si fidano più di un istituto di credito tradizionale che di una big tech. L’argomentazione viene però parzialmente smontata da un recente report di Bain dedicato proprio al difficile rapporto tra vecchi e nuovi intermediari del credito. La società di consulenza americana spiega, dati alla mano, che la fiducia dei consumatori inglesi e americani verso PayPal e Amazon è agli stessi livelli di cui godono le banche. Il che significa che la gran parte dei risparmiatori è assolutamente disponibile ad acquistare prodotti finanziari dalle bigtech.

amazon.PNG

Questa predisposizione del resto è maggiore proprio nei paesi in cui la risposta degli istituti di credito è lenta e problematica come l’India e il Messico: qui la maggior parte dei clienti è assolutamente favorevole al passaggio alle nuove tecnologie. Al contrario paesi con un sistema bancario già molto digitalizzato come l’Olanda sono meno minacciati dai giganti tecnologici. Bain spiega del resto che, se le cinque maggiori banche messicane raggiungessero il livello di digitalizzazione di quelle olandesi nei canali mobile e online potrebbero risparmiare costi per mezzo miliardo di dollari.

Un altro suggerimento per gli istituti tradizionali è rivedere l’approccio con il cliente che finora è stato rigidamente basato sul prodotto più che sul servizio: la vendita dei prodotti deve essere personalizzata e adattata alle specifiche esigenze del cliente che solo così troverà nella banca un interlocutore soddisfacente. Per raggiungere questo obiettivo sarà essenziale la conoscenza scientifica del dato, altro aspetto su cui le banche dovranno lavorare con sempre maggiore meticolosità.

In ogni caso anche nei Paesi con il sistema bancario più reattivo la domanda di servizi finanziari alternativi crescerà, soprattutto per la forte disposizione delle giovani generazioni verso queste nuove tipologie di offerta. Un trend che sarà particolarmente pronunciato quando, dopo aver offerto servizi di pagamento, carte di credito e prestiti, Amazon o Alibaba lanceranno un vero e proprio modello di retail banking. A quel punto la battaglia tra banche e big tech raggiungerà il massimo della sua intensità.

Rispondi