Fintech, Nicastro investe nella start up Yapily

C’è sempre più fintech nelle attività di Roberto Nicastro, l’ex direttore generale di Unicredit che oggi è senior advisor per l’Europa di Cerberus Capital e vice presidente di Ubi Banca.

Il banchiere è stato infatti tra gli investitori che hanno preso parte all’ultimo round di finanziamento di Yapily, la fintech che offre ai fornitori di servizi un modo semplice per recuperare i dati finanziari e effettuare pagamenti in maniera sicura, collegandosi direttamente a tutte le open banking Api delle banche retail. La fintech ha appena raccolto 5,4 milioni di dollari di seed funding da HV Holtzbrinck Ventures e LocalGlobe.

Tra i suoi clienti, Yapily, conta ditte di accounting software, società nello spazio dei pagamenti, crypto-wallet, applicazioni per la gestione finanziaria e società di e-commerce. La start up è anche integrata attualmente con 35 tra le maggiori banche europee e spera di raggiungere oltre 500 istituti di crediti entro la fine dell’anno grazie all’entreta della PSD2.

«Ho deciso di creare Yapily non appena ho sentito parlare di Open Banking e mi sono reso conto dell’impatto sociale che avrebbe avuto – ha spiegato il fondatore e ceo Stefano Vaccino – Yapily abbatte le barriere tecnologiche e permette alle società di innovare e beneficiare di questa rivoluzione rendendo possibile ai consumatori di condividere le loro informazioni in pochi millisecondi tramite le Api, facilitiamo l’innovazione», ha concluso Vaccino.

Rispondi