Hsbc reinventa il concept per il private banking

Se la banca del futuro sarà fondata su tecnologia e consulenza, il nuovo concept di filiale testato da Hsbc per la clientela d’alta gamma sembra rispondere a queste esigenze. A Sydney il gruppo britannico sta testando una formula che di fatto trasforma la banca in un punto di incontro tra cliente e consulente senza la dispersione che spesso caratterizza le filiali tradizionali.

La struttura è organizzata come un ampio open space distribuito su due piani e rivestito da un parquet che richiama più un’abitazione privata che un ufficio. Pareti amovibili dotate di touch screen isolano salottini in cui i banker possono incontrare la clientela in un’atmosfera raccolta e informale. La funzionalità però non trascura il confort visto che nei momenti di attesa i visitatori possono utilizzare terminali internet o sbrigare operazioni in modalità self service, ottimizzando i tempi.

Questo concept non è certamente l’unico esperimento che Hsbc sta conducendo sul fronte commerciale. Sul versante più mass market il gruppo inglese sta ad esempio testando forme di assistenti virtuali. Un esperimento del genere è in corso nella prestigiosa filiale newyorchese sulla Fifth Avenue dove la banca ha introdotto Pepper, un assistente virtuale prodotto dalla SoftBank Robotics, che seguirà la clientela nei differenti bisogni.
Il robot nel dettaglio assisterà i risparmiatori in operazioni come l’attivazione di una carta di credito o il versamento di un deposito, riducendo i tempi di attesa allo sportello e naturalmente anche il personale.

Rispondi