Ecco quanto costa un black out informatico in banca

90

Investire in tecnologie non basta per affrontare l’innovazione digitale. Negli Usa ad esempio è in corso un intenso dibattito sui temi della cyber security e dell’efficienza dei nuovi servizi messi a disposizione dalla tecnologia.

Uno ulteriore spunto è arrivato dall’incidente accaduto nelle scorse settimane alla BB&T Corp, un istituto di credito della North Carolina. Alla fine di febbraio per tre giorni i clienti di BB&T Corp non hanno potuto accedere agli Atm e agli account di banking online per il malfunzionamento in uno dei data center. In quell’occasione il ceo della banca Kelly King si è scusato pubblicamente su Twitter davanti a migliaia di clienti inferociti, ma solo in questi giorni si ha evidenza del costo reale dell’incidente.

Giovedì scorso è emerso che BB&T Corp ha subito nei primi tre mesi dell’anno un calo di ricavi di 15 milioni di dollari per il grave problema ai sistemi operativi. A questi vanno aggiunti 5 milioni di interessi passivi legati al rinvio di commissioni e altri costi. In aggiunta il ceo ha dichiarato che la banca ha speso 300 milioni di dollari per mettere a punto un nuovo data center: “L’incidente è accaduto proprio perchè alcuni investimenti compiuti in passato non sono stati fatti esattamente nel modo in cui avrebbero dovuto. L’insegnamento per noi è che l’unica cosa da fare per prevenire errori del genere è controllare e controllare ancora”, ha spiegato King. Un insegnamento prezioso forse anche per i banchieri italiani che presto dovranno fronteggiare tutte le incertezze della trasformazione digitale.

Rispondi