In India un robot sostituirà i cassieri di banca

L’Asia è da tempo ormai teatro di sperimentazioni nel campo della finanza digitale. Sperimentazioni a cui le nostre banche guardano con sempre maggiore interesse. Proprio di questi giorni è la notizia che l’istituto indiano Icici sarà la prima banca a sostituire i cassieri di filiale con robot. In 12 città indiane sono infatti già state installate 14 macchine dotate di intelligenza artificiale che saranno in grado di contare le banconote e svolgere le funzioni di routine finora affidate al personale umano. Ad esempio è stato calcolato che i nuovi robot possono contare fino a sei milioni di banconote al giorno.

Con questo metodo Icici è oggi in grado di ridurre le frizioni e i tempi dei processi, consentendo al gruppo di gestire volumi di affari maggiori usando le tecnologie digitali più recenti. Vale peraltro la pena ricordare che, per quanto innovativa, quella appena presentata non è la prima novità di questo genere nel sistema bancario asiatico.

L’istituto indiano HDFC Bank ad esempio ha annunciato il lancio di una coppia di umanoidi per rimpiazzare la vecchia manodopera e accompagnare il cliente attraverso la filiale. Non solo. La China Construction Bank, la seconda delle quattro più grandi banche cinesi, ha aperto a Shangai una filiale usando solo forza lavoro per così dire artificiale. Il cliente infatti non viene accolto da un cassiere, ma da Xiao Long (in cinese piccolo drago), un robot che saluta e offre informazioni sui principali servizi offerti. Il riconoscimento avviene mediante scansione della carta di identità o del volto, mentre un altro robot porge il tagliando per la coda.

Negli USA invece Hsbc ha introdotto Pepper, un assistente virtuale prodotto dalla SoftBank Robotics, che da un anno segue la clientela nei differenti bisogni all’interno della prestigiosa filiale newyorchese sulla Fifth Avenue. Il robot nel dettaglio assiste i risparmiatori in operazioni come l’attivazione di una carta di credito o il versamento di un deposito, riducendo i tempi di attesa allo sportello e naturalmente anche il personale. Secondo i dati riportati dal Wall Street Journal Hsbc è stata infatti la banca più drastica nella riduzione del numero di filiali, tagliandole di ben 1.700 unità negli ultimi 12 mesi. Va da sé comunque che Pepper può sbrigare solo le pratiche più semplici dell’attività bancaria, mentre per procedure più complesse come l’erogazione di un mutuo o l’invio di denaro all’estero servirà ancora la consulenza di un bancario in carne e ossa.

Rispondi