Innovazione, svolta cloud anche per Deutsche Bank

Anche Deutsche Bank scommette sul cloud. Il gruppo tedesco ha deciso di sfruttare esclusivamente tecnologie open hybrid cloud per la propria piattaforma applicativa Fabric. Oggi Fabric è la componente chiave della strategia di trasformazione digitale di Deutsche Bank, uno strumento che consente di abilitare i team applicativi, oltre che di fornire e scalare le applicazioni in modo più rapido ed efficace.

La scelta di sfruttare il cloud è legata ai vantaggi offerti dalla tecnologia: passare da un hardware proprietario al cloud consente infatti di abbattere i costi grazie alla condivisione di risorse, alla specializzazione e ai vantaggi derivanti da una maggiore scalabilità e flessibilità. Non solo. Al di là dell’immediato beneficio economico, il cloud permette alle banche di diventare più efficienti nello sviluppo di prodotti e servizi. Per esempio i processi si accorciano grazie all’eliminazione dei colli di bottiglia interni dovuti principalmente alla richiesta di autorizzazioni. In terzo luogo questa tecnologia consente di potenziare i requisiti di sicurezza rispetto alle piattaforme tradizionali.

Per supportare i propri progetti di business – modernizzare l’infrastruttura, migliorare agilità ed efficacia, e accelerare il time-to-market – Deutsche Bank ha realizzato Fabric, una piattaforma strategica di prossima generazione in grado di offrire un’esperienza Everything-as-a-Service per i team applicativi a mano a mano che creano e implementano nuove applicazioni sull’infrastruttura ibrida della banca.

Oggi Fabric supporta 6.000 utenti interni su 4.000 progetti in 15 ambienti di computing diversi, e più di 10.000 utenti finali a livello globale. La banca ha raggiunto il suo obiettivo di incrementare l’efficienza operativa, che oggi gestisce oltre il 40% dei workload sul 5% dell’infrastruttura totale, e ha ridotto il tempo necessario per trasformare un’idea da proof-of-concept in produzione da mesi a settimane. Red Hat Enterprise Linux costituisce il cuore dell’operating platform e offre un fondamento supportato e condiviso per i workload on-premise e nell’ambiente public cloud.

«Con l’evoluzione della digital transformation, le imprese spesso si trovano a dover diventare software company. L’uso di tecnologie container e Kubernetes tramite Red Hat OpenShift mostra l’impegno nell’innovazione IT e l’importanza dell’hybrid cloud per Deutsche Bank, e siamo orgogliosi di collaborare con loro oggi che rappresenta un esempio non solo per il mercato dei servizi finanziari ma per qualunque impresa che desidera accedere all’era digitale», commenta Ashesh Badani, senior vice president, Cloud Platforms, Red Hat.

Rispondi