Italia sempre più contactless, ma il contante piace ancora. Eccome

carte-contactless-come-funzionano_47391.jpg

Il salto verso una società senza contante è ancora prematuro per l’Italia, dove però si coglie una sempre maggiore attenzione verso i pagamenti digitali e l’innovazione finanziaria. Questo il quadro che emerge dall’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano.

Nel 2017 gli italiani hanno pagato 220 miliardi di euro con carta di pagamento (credito, debito o prepagate), in crescita del 10% rispetto al 2016 e pari al 28% dei consumi delle famiglie. I pagamenti elettronici continuano quindi a crescere anno su anno, seppur ci sia ancora molto da fare per poter allineare l’Italia a molti altri Paesi europei. In termini di numero di transazioni pro capite l’Italia con 50 transazioni a persona all’anno con carta si trova al 24° posto in Europa davanti a Bulgaria, Romania, Grecia e Germania, ma lontanissima dalla media europea di 118 transazioni a persona all’anno. La distanza si fa abissale se confrontiamo l’Italia ai paesi del nord Europa (Danimarca, Svezia e Finlandia) dove le transazioni superano le 280-300 transazioni pro capite all’anno.

In ogni caso nel nostro Paese i pagamenti online continuano la loro importante crescita, con lo smartphone che guadagna terreno rispetto agli altri device (PC e tablet): se, infatti, eCommerce ed ePayment (ossia gli acquisti e i pagamenti effettuati tramite PC e tablet) crescono del 10% rispetto al 2016 e valgono 20,3 miliardi di euro, il mobile remote commerce (ossia gli acquisti tramite smartphone) cresce del 65% e vale oltre 5,8 miliardi di euro, pari a circa il 25% del totale transato online da remoto. 1 euro su 4 degli acquisti online, passa dallo smartphone (valeva il 18% nel 2016). A questi 5,8 miliardi, si aggiungono i quasi 800 milioni di euro del mobile remote payment – che include i pagamenti di ricariche telefoniche, bollette, bollettini, parcheggi, biglietti del trasporto, noleggi auto, taxi, attraverso il telefono cellulare -, in leggero rallentamento rispetto agli scorsi anni, ma che comunque cresce di oltre il 35% rispetto al 2016.

Nel 2017 il grosso balzo in avanti fatto dai new digital payment è all’interno dei negozi fisici. Gli italiani fanno ancora la maggior parte degli acquisti in negozio e anche i pagamenti in store possono essere innovati. I pagamenti con carta contactless, ossia quelli effettuati avvicinando la carta al POS senza inserirla o strisciarla, nel 2017 sono cresciuti del 150% e hanno sfiorato i 18 miliardi di euro di transato (l’8% del transato con carta). A favorire questa crescita sostenuta è stata la svolta nell’approccio e nelle abitudini dei consumatori e soprattutto degli esercenti, oltre alla crescita dell’infrastruttura che si sta consolidando

Rispondi