La blockchain tra opportunità e problemi legali

blockchain-review-bl4nkcodeinfo.png

Le implicazioni della tecnologia blockchain nel settore finanziario sono state il focus del convegno La tecnologia blockchain nel settore finanziario organizzato oggi dallo Studio legale Pavia e Ansaldo e GPM&SAIP Group presso la sede di Microsoft a Milano. La finanza tecnologica rappresenta il traguardo di molte banche e intermediari finanziari che hanno l’ambizione di offrire alla propria clientela quel valore aggiunto che il mercato oggi richiede. La blockchain, conosciuta principalmente come la tecnologia per la creazione di valute virtuali, è la principale innovazione per individuare possibilità di utilizzo di tale tecnologia in settori finanziari diversi dalle criptovalute, fermo restando la compatibilità con le normative primarie e quelle di vigilanza delle Autorità Centrali.

Le implicazioni relative alla privacy sono state affrontate da Deborah Bolco, partner di Pavia e Ansaldo, e Mariangela Papadia, senior associate di Pavia e Ansaldo. L’intervento di Massimo Masini, di GPM & SAIP Group, è stato focalizzato sul rapporto tra blockchain e antiriciclaggio. Profili antiriciclaggio e negoziazioni di valute virtuali sono stati affrontati da Nicola Mainieri, dirigente del Servizio Ispettorato Vigilanza di Banca d’Italia.  Alessandra Grandoni, counsel di Pavia e Ansaldo, ha dedicato il suo intervento alle caratteristiche e agli aspetti di conformità legale di Blockchain e Smart Contracts.

«La tecnologia blockchain si presta a molteplici utilizzi. Con questo convegno ci siamo focalizzati sulle attività finanziarie. Le potenzialità sono tante e tali che in pochi anni assisteremo a cambiamenti rilevanti, se non addirittura epocali, sulle attività finanziarie a partire dai sistemi di pagamento e di scambio degli strumenti finanziari sino a giungere ai sistemi di corporate governance e di compliance. Questo convegno si pone in continuità agli altri (già fatti o in programma) dello Studio volti a esplorare gli effetti che l’evoluzione tecnologica ha nelle varie aree del diritto», ha sottolineato Di Giulio, partner dello Studio Pavia e Ansaldo.

Rispondi