La finanza italiana alla prova del wealthtech

bulgarelli.PNG

La disruption tecnologica non risparmia nessun ambito della finanza tradizionale. La prima edizione della Siat QuanTech Conference ha offerto l’occasione per discutere dei cambiamenti in corso nel settore dell’investment management dall’avvento del wealthtech e del fintech all’innovazione a livello di prodotti, tutti elementi che si stanno affermando sul mercato alimentando una forte competizione tra gli operatori. L’evento organizzato dalla Società Italiana Analisi Tecnica, alla sua prima edizione quest’anno, si è tenuto al Mudec di Milano e ha riunito circa 200 professionisti della finanza.

Daniele Previati, vice presidente dell’Associazione Docenti di Economia degli Intermediari, dei Mercati Finanziari (Adeimf), ha avviato la kermesse insieme a Davide Bulgarelli, presidente di Siat (in foto), illustrando il ruolo di Adeimf nella diffusione della cultura finanziaria. Jerome Teiletche (Unigestion) ha invece proposto un intervento sull’indicatore proprietario Nowcasting in un mercato in continua evoluzione. Uno studio su Etf settoriali e fattoriali è stato poi al centro dell’intervento di Bulgarelli, mentre Teodor Naoumov (Ubi – Pramerica) ha proposto uno speech su modelli quantitativi di asset allocation con Etf fattoriali e investimenti alternativi. Massimo Siano (Etfs by Wisdom Tree) ha infine parlato di etf approfondendo come e perché il 2018 sarà l’anno delle materie prime, in particolare di quelle cicliche.

«Dopo l’esito positivo del convegno mondiale Ifta dello 2017 – ha spiegato Bulgarelli – Milano si conferma piazza attenta ad eventi con finalità culturali nel campo della finanza. Il mondo accademico e quello dei professionisti possono e devono contaminarsi per alzare ancora di più la qualità degli asset manager italiani. Appuntamento dunque al 2019, non solo con la seconda edizione del Quantech, ma anche con il think tank estivo dedicato ai modelli algoritmici e quantitativi, all’Artificial Intelligence e Big Data: una vera e propria Academy», ha concluso Bulgarelli.

Rispondi