La fintech del mattone si allea con Evo Bank

buono.JPG

Housers, fintech attiva negli investimenti immobiliari e guidata in Italia da Giovanni Buono (in foto), ha firmato una partnership con Evo Bank, banca spagnola online di proprietà del fondo americano Apollo Global Management. Attraverso questa intesa i clienti di Evo potranno accedere ai progetti di risparmio scelti da Housers in modo rapido, semplice e trasparente attraverso i portali web e mobile banking.

Se da una parte Housers diventa fornitore di soluzioni tecnologiche digitali per banche e altri player della finanza tradizionale dall’altra Evo Bank diventa la prima banca spagnola ad offrire una forma d’investimento alternativo nel settore immobiliare basata sul finanziamento collaborativo (crowdlending) e sulla iper diversificazione in base alla tipologia d’investimento, alla localizzazione e all’orizzonte temporale.

«L’accordo con Evo Bank rappresenta un esempio concreto di open banking applicato all’investimento prediletto dai risparmiatori – ha commentato Giovanni Buono, Managing Partner di Housers – che permetterà ai clienti di Evo di accedere a investimenti partecipativi che stanno attualmente generando un irr medio annuo di oltre il 10%. Per il nostro gruppo si tratta di un importante risultato ottenuto attraverso il lavoro congiunto di tutto il management».

Housers, attiva in Spagna dal 2015 dalla collaborazione di Tono Brusola e Alvaro Luna e partita in Italia a giugno 2017, è la prima piattaforma di crowdfunding immobiliare nel sud Europa. La start up investe in diverse città come Madrid, Barcellona, Valencia e Milano e il principio è quello del finanziamento collettivo: la società dà infatti la possibilità di investire su uno o più appartamenti partendo da un capitale anche minimo, di soli 50 euro.

Rispondi