La lezione che Amazon può dare alle banche

banca

La rivoluzione tecnologica non è solo un cambiamento di canali e di linguaggi, è soprattutto un cambiamento di modelli. Ne è convinta la società di consulenza Oliver Wyman che ha dedicato un report a un interessante raffronto tra il sistema bancario e i colossi tecnologici come Amazon, Google o Facebook.

Al di là dei diversi canali di distribuzione, la differenza sta tutta nell’approccio al cliente: se l’approccio tradizionale del sistema bancario è tutto focalizzato sull’offerta di una gamma di prodotti, i Big tech hanno spostato il baricentro della relazione sull’offerta di soluzioni.  In sostanza, basandosi sulla conoscenza approfondita di ogni singolo consumatore, Amazon & C possono offrire esattamente la soluzione di cui il consumatore ha bisogno. «La gran parte delle banche e delle assicurazioni tengono ancora ben distinti la produzione dei servizi dalla loro distribuzione, come se fossero due diversi componenti del loro modello operativo. Come conseguenza il legame con i clienti si è allentato e la concorrenza dei campioni digitali si fa sempre più sentire», spiega il report.

In sostanza le Big Tech generano valore per il cliente a un ritmo molto maggiore rispetto a quanto avviene nel sistema finanziario. Per recuperare terreno le banche dovranno lavorare soprattutto sui dati della clientela, per creare un’offerta sempre più mirata e personalizzata, e dovranno farlo in condizioni di assoluta sicurezza per evitare danni reputazionali. La sfida insomma, conclude Oliver Wyman, non sta nell’immettere più innovazione nel sistema ma nel mettere quell’innovazione al servizio del cliente.

Rispondi