Lavoro in banca? Ecco dove trovarlo nei prossimi anni

L’impatto della rivoluzione digitale sul lavoro in banca sarà probabilmente più complesso di quanto si immagina. Non perché la tecnologia sia destinata a sostituire il fattore umano (scenario che oggi la maggior parte dei consulenti esclude), quanto perché ruoli e funzioni cambieranno profondamente, imponendo un drastico sforzo di riqualificazione. Se l’intelligenza artificiale automatizzerà certi lavori, al contempo creerà nuove professioni che finora non avevamo previsto.

Professioni che richiederanno non solo la conoscenza della tecnologia, ma anche un approccio multidisciplinare, gerarchie meno rigide e un ambiente di lavoro assai più elastico di quello attuale. In Estremo Oriente ad esempio molte banche si stanno rapidamente convertendo a questi nuovi modelli e sulla piazza di Singapore il mercato del lavoro è già molto diverso rispetto a quello europeo. Ecco ad esempio alcuni dei ruoli emergenti che diventeranno sempre più strategici nelle banche del futuro:

Front-end developer: è il professionista che si occupa della comunicazione digitale con l’utente, cioè di tutto ciò che riguarda l’interazione attraverso i nuovi canali, dal sito web della banca ai social media. Di solito non ha soltanto competenze informatiche ma anche di marketing, fondamentali per fornire al consumatore una user experience semplice e intuitiva.

IT infrastructure developer: i canali commerciali della banca dovranno essere monitorati costantemente sia per garantire l’efficienza di risposta che per mantenere alti standard di sicurezza per il cliente. L’analisi di questi flussi sarà appannaggio di figure specifiche in grado di diagnosticare rapidamente i problemi e mettere in campo soluzioni.

Data scientists: sono gli esperti che dovranno trattare in sicurezza i dati della clientela, un tesoro inestimabile per le banche e in costante crescita. Secondo il World Economic Forum entro il 2020 i data analyst saranno tra le figure professionali più richieste nell’intero mondo del lavoro. Solo negli Usa la domanda delle aziende è cresciuta di ben sei volte rispetto a cinque anni fa e nei prossimi cinque anni il ritmo potrebbe perfino aumentare.

Quant developers: l’applicazione dell’analisi quantitativa alla finanza e al trading in particolare non è un trend nuovo, ma nelle banche digitali crescerà il numero di processi che richiederà metodi matematici e statistici. Questi esperti dovranno aiutare le investment bank a prezzare e vendere nuovi prodotti strutturati o i fondi a sviluppare piattaforme di trading e strategie di investimento.

Information security: lo sviluppo del digitale dovrà procedere di pari passo con il potenzialmento della cyber security. A chiederlo non sono solo i consumatori ma anche le autorità di vigilanza che stanno rivolgendo particolare attenzione al tema. Ecco perché la domanda di professionisti in questa area è destinata a crescere nei prossimi anni.  Secondo una ricerca commissionata dall’inglese Lloyds Bank, i timori della categoria sono sempre più concentrati sull’argomento: su una platea di oltre 100 professionisti, l’87% ammette di aver iniziato a preoccuparsi della sicurezza informatica per la propria azienda nell’arco dell’ultimo anno e circa un quarto manifesta una forte apprensione.

 

Rispondi