Revolut lancia una carta di debito per le cripto

storo

Nel tentativo di venire incontro ai gusti di una clientela giovane e attenta alla tecnologia, l’unicorno inglese Revolut sta per lanciare una carta di debito che permetterà di ricevere l’1% del contante in criptovalute. Lo ha dichiarato il fondatore Nikolay Storonsky (in foto) in un’intervista a Business Insider, spiegando che la nuova carta platinum costerà 6,99 sterline al mese e offrirà tra gli altri servizi anche un’assicurazione di viaggio. Il nuovo servizio fa il paio con quelli recentemente lanciati dalla fintech londinese che, ad esempio, offre ai clienti servizi di trading di criptovalute attraverso una app. Con questo strumento è possibile investire su Bitcoin, Ethereum e Litecoin già dallo scorso mese di dicembre.

Revolut è senza dubbio una delle più dinamiche realtà europee nel campo del fintech.
La società ha appena annunciato di aver raccolto 250 milioni di sterline a meno di tre anni dal lancio. Le risorse, che danno alla compagnia una valutazione di 1,7 miliardi di sterline post money con un balzo di cinque volte nell’ultimo anno, sono state versate dalla società di investimento DST Global insieme a un gruppo di nuovi e vecchi investitori che comprende INdex Ventures e Ribbit Capital. Complessivamente il funding raccolto è di 340 milioni di sterline in meno di 36 mesi.

Ma quello di Revolut non è un caso isolato a Londra. La rivale TransferWise ad esempio ha recentemente raccolto 280 milioni di sterline, dando così alla società una valutazione post-money di 1,6 miliardi. Con la differenza sostanziale però che TransferWise ha già sette anni di vita. Difficile dire se queste valutazioni si fondino del tutto sui fondamentali o se nell’aria ci sia già un clima da bolla finanziaria nel settore fintech.

Rispondi