Nuova cyber truffa. Le banche non abbassino la guardia

cime

Le cronache dimostrano che la sicurezza informatica è una priorità sempre più urgente per le banche italiane. Proprio questa mattina è emerso che cinque malviventi avrebbero sottratto 1,2 milioni da conti correnti aperti presso Banca Mediolanum, Banca Fineco, CheBanca!, Ing Bank, Iw Banck e Barclays Bank.  Per la prima volta gli hacker sono riusciti a violare la Pec o meglio hanno creato un complesso meccanismo per riuscire a dare l’illusione di comunicare con la banca attraverso la posta certificata. Gli arrestati, alcuni dei quali già coinvolti in passato in cybertruffe, hanno agito su scala nazionale.

Questo ennesimo episodio di violazione spingerà probabilmente le banche ad alzare ulteriormente la guardia sulla sicurezza digitale. Dall’ultimo rapporto sullo scenario e tred del mercato Ict per il settore bancario, formulato da Abi Lab, emergeva del resto che tra le priorità di investimento degli istituti si trova proprio il potenziamento delle infrastrutture tecnologiche (67% degli istituti), la gestione del cyber risk (63%) e il potenziamento di internet e mobile banking con particolare attenzione agli aspetti di sicurezza (48%). Anche sul versante della ricerca e dello sviluppo, i progetti considerati prioritari dalle banche riguardano anzitutto la mitigazione del rischio cyber (52%) e la modernizzazione delle infrastrutture tecnologiche, anche in ottica di cloud computing (44%) e blockchain (41%). Le banche insomma non possono permettersi di abbassare la guardia.

Rispondi