Petrone (Medici): così il fintech incontra le banche

Il mondo della finanza digitale ha bisogno di network e punti di incontro dove i nuovi operatori possano dialogare con gli intermediari tradizionali e creare inedite sinergie. In questa categoria rientra Medici, la piattaforma fintech di open innovation che dal 2015 ha coinvolto più di 13000 startups, 200 banche e centinaia di investitori in 160 paesi. Medici impiega oggi più di 50 persone tra Usa, Europa, India e Singapore e sul mercato europeo è guidata da Nicolo Petrone (in foto).

Nicolo, classe 1993, è nato a Napoli e dopo un aver conseguito una laurea in economia presso l’Università Federico II, si è trasferito negli USA dove si è specializzato prima in management e finance presso la HULT Business School e successivamente in business analytics presso la Wharton school.

Ha iniziato la propria carriera nella statunitense Charlotte dove si è unito a due veterani nel settore fintech per il lancio di Medici. Dopo aver poi acquisito quote nella società si è trasferito in Europa per avviare il le operations. Attualmente, Nicolo lavora tra Milano e le principali capitali europee per espandere business ed il network di banche, investitori e startup fintech.

«L’obiettivo per il 2019 è consolidare il nostro motore di rating di Startups Early stage e dare il via a quella che sembra essere una estensione naturale del nostro business: investimenti in start-ups early stage. Provvederemo inoltre a rafforzare ed espandere la nostra copertura nei paesi emergenti che rappresentato un’opportunità senza eguali. L’hype di innovazione che le banche europee vivevano nel 2016 è ora arrivato in paesi come l’Afirca, India, Malesia e Brasile», spiega Petrone.

La startup statunitense ha recentemente stretto partnerships con rilevanti player italiani come Ubi Banca, Generali, BNP Cardif, EY e tanti altri. Al momento Medici supporta le istituzioni finanziarie in operazioni di partnership/M&A con fintech providers e nel lancio di iniziative strategiche sul lato digital incluso il lancio di prodotti digitali come PFM e Banche digitali.

Rispondi