Da Savona e Simeone un fondo per investire con la blockchain

savona.jpg

In Italia nasce un nuovo progetto legato alla blockchain. Si tratta di Euklid, una start up attiva nel fintech guidata da Antonio Simeone, 34 anni (laurea in Economia alla Luiss, con una specializzazione in trading e Mercati Finanziari alla Columbia University) e presieduta da Paolo Savona (professore di Politica Economica, fra i numerosi incarichi è stato anche ministro dell’Industria nel Governo Ciampi e presidente di Unicredit, in foto).

La società, tenuta a battesimo ieri a Roma, ha lanciato anche un fondo, Euklid Fund, che applica alle scelte finanziarie il protocollo blockchain e algoritmi di intelligenza artificiale. Le operazioni collocate sulla blockchain permettono scelte oggettive (non influenzabili dalle decisioni dei manager), trasparenti (l’investitore può verificare l’uso fatto del suo risparmio), e considerate eque (Euklid dichiara infatti di non chiedere commissioni per i suoi servizi, ma partecipa del 20% agli utili conseguiti).

Euklid LTD raccoglie la sperimentazione partita con Euklid srl. La startup, fondata nel 2015 dallo stesso Antonio Simeone, ha chiuso un round da 400 mila euro nel 2016, ottenendo una valutazione di 10 milioni di euro. «Euklid srl – spiega Simeone – si occupava  esclusivamente di bitcoin e non esiste più: sono due realtà diverse. Ora lavoriamo esclusivamente su indici e azioni. Ed è tutto trasparente, scritto sulla blockchain».

Rispondi