Così Sisal scommette sulla cashless society

Le aziende che, in un processo di diversificazione, hanno scommesso sui pagamenti digitali stanno registrando risultati molto interessanti in questi anni. È il caso di SisalPay, la divisione lanciata nel 2013 dal gruppo Sisal per presidiare questo nuovo mercato. Nel corso degli anni l’offerta dell’applicazione si è gradualmente allargata, partendo dal pagamento di bollette, multe e ticket sanitari fino ad arrivare l’anno scorso al lancio di un portafoglio digitale (Bill) che permette di acquistare prodotti presso gli esercizi convenzionati e scambiare denaro P2P.

Il percorso di Sisal Pay è stato premiato nei giorni scorsi con l’AIFIn Financial Innovation Italian Award, il riconoscimento dedicato all’innovazione nel settore bancario, assicurativo e finanziario, giunto quest’anno alla 15esima edizione. In particolare il wallet digitale Bill ha vinto il primo premio nella categoria Prodotti e Servizi di Pagamento Business, mentre l’app SisalPay si è aggiudicata il secondo posto nella sezione Prodotti e Servizi di Pagamento Retail.

L’app Bill (attiva negli oltre 40mila punti vendita SisalPay), lanciata sul mercato lo scorso settembre, è per l’appunto una delle ultime novità di prodotto del gruppo: permette di acquistare qualsiasi tipo di prodotto presso tutti gli esercizi convenzionati, scambiare denaro P2P e di effettuare ricariche telefoniche attraverso il proprio smartphone: i pagamenti fino a 10 euro sono esenti da commissioni, quelli per importi superiori hanno un costo fisso di 10 centesimi a carico del commerciante e non dell’utente.

Novità importanti riguardano anche l’esperienza di vendita dei rivenditori: per rispondere alle loro esigenze di semplificazione, velocità e ottimizzazione degli spazi, SisalPay ha annunciato il lancio della nuova soluzione di cassa EasyCassa. Adatto a diversi ambiti commerciali, EasyCassa integra servizi innovativi e sistemi di pagamento digitali come Bill e semplifica la gestione del punto vendita grazie a un portale Cloud dedicato.

I riconoscimenti ottenuti sono frutto del lavoro della start up interna dedicata ai pagamenti digitali guidata da Monica Del Naja, Head of Digital Payment della Bu Payments and Services, a capo di un team di venti giovani talenti.

Rispondi