Sui dati le banche rischiano di finire come Facebook?

data.PNG

Le banche rischiano di fare la fine di Facebook? La domanda può sembrare fantasiosa, ma qualcuno se la sta già ponendo con preoccupazione. Lo scandalo dei Cambridge Analytica ha infatti sollevato con forza il problema dell’uso corretto dell’enorme quantità di dati di cui oggi dispongono le aziende.

Anche le banche, che sono un po’ più vecchie dei social media, dovranno affrontare molto presto la questione. Per attività come il credito o il marketing gli istituti di credito si appoggiano infatti sempre più spesso a dati provenienti da terze parti. «Un uso improprio o imprudente di questi dati renderà le banche vulnerabili, spingendole a prendere decisioni sbagliate», spiega Alan McIntyre, senior managing director e head della banking practice di Accenture.

«Le banche possono correggere questa vulnerabilità verificando la storia e la qualità dei dati e rendendoli così più affidabili». Già, ma i banchieri stanno agendo in questo modo? Non proprio. Secondo il Banking Tech Vision Report 2018 della società di consulenza Usa, il 28% degli 800 banchieri intervistati nella survey sostiene di non esaminare i dati che riceve da fonti esterne, mentre il 24% afferma di farlo, ma in maniera superficiale.

Il problema, sostengono gli analisti di Accenture, non è la cybersecurity in sè, quanto l’attendibilità dei dati. «Facciamo un esempio. Le cattive recensioni di un ristorante su un sito come Tripadvisor riflettono correttamente i gusti dei consumatori o vengono manipolate dai concorrenti? Se una banca si servisse di questi dati, starebbe agendo correttamente verso la clientela?», si interroga McIntyre. In sostanza le banche, come i social network, devono imparare a rielaborare correttamente i dati, distinguendo quelli attendibili dalle fake news. «Con tutte le fonti di cui dispongono oggi, le banche devono imparare a essere molto caute. Così come hanno sviluppato protocolli per conoscere il cliente, avranno bisogno di processi per conoscere i dati di cui si servono e per mostrare la loro provenienza al regolatore», taglia corto McIntyre.

Rispondi